Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Didattica della Filosofia

Insegnare filosofia

Modelli di insegnamento, programmazione, azione didattica, metodi, contenuti, strumenti, uso del testo

La scrittura

La scrittura

Esercizi e lavoro sul testo

In un articolo risalente al 1972 (1) Vittorio Telmon sottolinea che la tradizione esclusivamente orale dell’insegnamento della filosofia non ha più ragion d’essere ed è necessario proporre altri strumenti, tra cui quelli scritti, come le schede, la dissertazione, i test ed esercizi vari.

L’uso della scrittura sembra importante da più punti di vista, tra i quali ricordiamo solo i principali:

Una tassonomia per le esercitazioni

In un articolo del 1989, pubblicato su «Nuova Secondaria»(2), Mario Trombino richiama l’attenzione sull’importanza didattica che possono avere le esercitazioni e le prove scritte, suggerendo una prima tassonomia che indica anche le occasioni in cui è opportuno far uso della scrittura e i diversi obiettivi che è possibile conseguire. Riassumiamo le diverse tipologia individuate da Trombino, riportando brevemente per ognuna qualche esemplificazione:


Consolidare gli apprendimenti

È importante sottolineare il carattere di esercitazione di queste attività. Esse devono essere abbastanza frequenti e tendere a consolidare le conoscenze, attraverso la loro applicazione ad ambiti diversi da quelli in cui sono state apprese, con una funzione simile a quella dei problemi matematici o delle versioni di greco o latino. Anche la filosofia, infatti, ha bisogno di esercizi sistematici per consolidare gli apprendimenti, anche se fino ad oggi mancano sussidi di questo tipo, se si eccettuano limitati esercizi proposti da alcuni manuali.



Note
(1) V. Telmon, Per un nuovo insegnamento della filosofia: gli approcci dello scrivere, del leggere, «Scuola e città», 1972, 12; ora in Insegnare filosofia e scienze umane, vol. I, La filosofia liceale sulla via della riforma, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1987, pp. 45 ss.
(2) M. Trombino, Esercitazioni scritte di filosofia, «Nuova Secondaria», 1989, 1-15 ottobre.

>> vai alla sezione successiva

I vostri commenti

  • Nessun commento presente

Inserisci il tuo commento

Inserisci una risposta